Sappada

Orari: Tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.30 o per appuntamento.
Chiuso nei mesi da fine settembre a metà novembre.
Aperto in tutto il periodo invernale, ottima occasione per un simpatico doposci!

A Sappada trovi il regalo da riportare a casa ai tuoi cari senza cadere nella banalità. Trovi tutta la linea di Tessuti e fragranze.

Collaboriamo inoltre con diversi alberghi per i quali ha sviluppato una serie di proposte specifiche, sia per l’allestimento delle strutture che per i piccoli omaggi che daranno al vostro ospite un motivo in più per ricordarvi

Le origini di Sappada non sono certe, l’ipotesi più probabile è che nell’XI secolo alcune famiglie provenienti dalla vicina Austria (secondo la leggenda dal paese di Innervillgraten) si insediarono nella valle con l’autorizzazione del patriarca di Aquileia e dietro pagamento di una somma annuale.

finestraMunicipioSappadaLa valle all’epoca era disabitata e incolta e i sappadini iniziarono una paziente opera di disboscamento e coltivazione; in breve nacque un piccolo paese formato da 15 borgate tante quante erano le prime famiglie che vi si insediarono. Il paese è costituito da caratteristiche case in legno adagiate nel soleggiato versante nord della valle. Intorno al paese verdi pascoli per l’allevamento dei bovini, campi di segale, avena, orzo e legumi e oltre ad essi boschi ricchi di selvaggina.

Nel 1500, oltre alle attività agricole e di pastorizia prosperava anche il commercio del legname grazie alla forte richiesta di legno per barche da parte della Repubblica di Venezia.

Dopo una breve parentesi di dominazione francese nel 1814 Sappada passò sotto gli austriaci cui si devono le prime scuole e opere pubbliche.

Nel 1852 Sappada passava dalla provincia di Udine a quella di Belluno che a sua volta, qualche anno dopo, veniva annessa all’Italia (1866).